Focus

LA SCUOLA ASSET PRINCIPALE DI UNA COMUNITÀ

“Il mio risultato più grande, quello per il quale sento che c’è della magia in quello
che faccio, è vedere la mattina i bambini andare a scuola puliti e ben vestiti… e il
pomeriggio vederli giocare liberi da paure o costrizioni”.

Stefano Palazzi mette le basi per la prima scuola di Antintorona nel 1995 dopo che
il consiglio del villaggio delibera per la sua costruzione. Un anno dopo, nel 1996, il
primo edificio scolastico apre i battenti.
Dopo quattordici anni il Villaggio ha un polo scolastico di ben otto edifici,
quattordici tra insegnanti e impiegati e più di 200 studenti.
Stefano in tutti questi anni ha lavorato da solo con i propri mezzi e il proprio sudore;
è stato l’architetto, il muratore e il finanziatore del progetto scuola, continuando
fino a oggi a pagare di tasca propria tutte le spese che sono state e sono tuttora
necessarie diariamente per il suo funzionamento. Mano a mano è stato sostenuto
con contributi economici risultato di donazioni da parte di amici e sostenitori
che credono nella sua totale onestà e trasparenza nella gestione delle risorse
economiche.

La scuola è il risultato di una lunga opera in campo sociale, non solo un semplice
lavoro meccanico di soldi e operai. I figli sono per le società tribali una risorsa
importante per il sostentamento della famiglia stessa, molti figli costituiscono
una ricchezza e un fondamentale supporto ai genitori. La capacità di Palazzi di
inserirsi profondamente nel tessuto sociale del villaggio, la fiducia reciproca e il
miglioramento delle condizioni generali di vita hanno fatto si che si decidesse per
questo grande passo. Da allora siamo già alla terza generazione di studenti. Da una
decina di bambini nel primo anno, si è oggi a più di 200 studenti.

Il proposito di questo Progetto è di dare un futuro alla scuola e portare avanti questi
ragazzi nello studio fin quando vorranno, dargli quella possibilità di scelta che molti
purtroppo ancora non hanno.

Il polo scolastico di Antintorona
Da quel lontano del 1995 si è fatto moltissimi passi in avanti e ora siamo a otto
distinte costruzioni che costituiscono oggi a un polo d’eccellenza per il distretto di
Nosy Be, ospitando anche studenti provenienti da villaggi limitrofi.
La scuola, pur mantenendo lo spirito d’istituto privato, è ufficialmente riconosciuta e
segue le direttive didattiche del ministero dell’istruzione malgascio.
- Il Campus, che si trova in un’area interna al villaggio e ospita la maggior parte
delle strutture:

  • La scuola materna.
  • La scuola elementare.
  • La scuola media.
  • La biblioteca.
  • Laboratorio computer (in fase sperimentale).
  • Il dormitorio.

Cucina e mensa.
- La scuola di meccanica. Un edificio adibito a laboratorio tecnico che si trova
all’interno del villaggio stesso.
- Il Liceo Linguistico, in un edifico di recente acquisizione che inizierà le sue
attività per l’anno accademico 2013/2014
- Succursale della scuola materna. Costruzione all’interno dell’isola con l’intento
di dare accesso alla scuola anche ai bambini dei villaggi della montagna, evitando
così il distacco precoce dalle famiglie.